LOFFREDI E DINTORNI

Vai ai contenuti

Menu principale:

Rispondere unitariamente all'enmergenza fiume di Ceccano

LIBRI > Ceccano nel tempo

Sul sito Governo.it è apparso un provvedimento preso il 29 ottobre 2010 dal Consiglio dei Ministri, recante questo titolo:” Proroga dello stato di emergenza nel territorio tra la le province di Roma e Frosinone in ordine alla situazione di crisi socio-economica- ambientale ed estensione ai comuni di Frosinone, Ceccano, Castro dei Volsci, Pofi, Ceprano e Falvaterra”.
Si tratta veramente di una bella notizia !
Tali comuni esclusi ingiustamente dallo stato di emergenza nel 2005 ora  fanno parte a pieno titolo di un’area che viene riconosciuta di “ crisi socio-conomico-industriale “.
Questo provvedimento è un riconoscimento dato verso quelle amministrazioni, quei partiti ed Associazioni che si sono impegnati per il raggiungimento di tale scopo, compreso il Sindaco di Ceccano che a volte pur in solitudine non ha mai smesso di credere in questa soluzione.
Si apre ora una nuova e forse più impegnativa fase che non può essere quella delle dispute e del lancio di anatemi fra forze contrapposte ma, al contrario, quella di uno sforzo unitario che veda uniti Provincia, Comuni, Partiti e Associazioni. Tale iniziative devono partire proprio da Ceccano, realtà che ha pagato in termini altissimi per i danni economici subiti oltre che per le minacce alla salute dei propri cittadini.
E’  ora  che  si discuta apertamente e  con competenza fra  tutte  le  componenti in Consiglio Comunale per predisporre una bozza di interventi da proporre agli altri Enti locali e da sottoporre al Commissario Straordinario.

3 Novembre 2010

 
Torna ai contenuti | Torna al menu