Per una memoria condivisa

Vai ai contenuti

Menu principale:

Meglio poco che niente

ARTICOLI > QUESTIONI SANITARIE

Dopo aver particolarmente descritto  la preoccupante situazione sanitaria nella provincia di Frosinone e la pericolosa condizione dei Pronto Soccorso, in data 17 agosto, ho letto sul profilo Face Book dell’Assessore  regionale Mauro Buschini, attraverso il suo Addetto stampa, questa importante comunicazione:
"La Regione Lazio destinerà 2 milioni di euro alla ASL di Frosinone per l’adeguamento funzionale dei Pronto Soccorso, OBI e Medicina d’Urgenza degli ospedali di Sora, Cassino, Frosinone e Alatri. Saranno acquistati, per le strutture della nostra Provincia, un angiografo, una Tac, una Rx, 4 ecografi, un sistema cardiopolmonare portatile e due respiratori. Si tratta di fondi provenienti dal recupero dell’evasione fiscale che abbiamo deciso di destinare al potenziamento dell’offerta e dell’innovazione tecnologica dei presidi ospedalieri del nostro territorio".
 Dopo tanto insistere, criticare, allertare non solo da parte mia, ma anche da parte di cittadini, organizzazioni e sindacati di categoria  finalmente riceviamo  una buona notizia.
 Anche se non si muove entro una logica che privilegia il filtro prima di accedere ai Pronto Soccorso e non prospetta nemmeno un coordinamento fra i vari Presidi ( Casa della Salute, Ambufest, Presidio Ambulatoriale, Territoriale e Guardia Medica ) la ritengo ugualmente una buona notizia. Meglio poco che niente !  
 Nello stesso tempo, considerato  che si tratta di una informazione necessaria e doverosa e visto che non voglio rimanga un "annuncio", dopo aver aspettato 5 giorni per avere ulteriori notizie e precisazioni, riprendo la suddetta dichiarazione per sollecitare direttamente lo stesso assessore  per ricevere ulteriori  e decisive puntualizzazioni riguardanti:
La data e l’atto amministrativo attraverso il quale  è stata fatta tale scelta;
Quale sarà la dislocazione  delle importanti attrezzature sopra indicate fra i quattro Pronto Soccorso;
Necessità di nuovo  personale per l’utilizzo di tali attrezzature;
L’esistenza di un bando di gara e i tempi di espletamento.
Intervengo e sollecito perché ho sempre ritenuto che la trasparenza e la partecipazione siano metodi utili per assicurare il buon governo della cosa pubblica ma anche per prevenire atti discutibili e fuori dalla legalità. La scelta indicata dall’assessore Buschini, infatti, non può essere fatta cadere ma merita di essere seguita, conosciuta in tutti i passaggi, negli ulteriori sviluppi e posta all’attenzione di tutti.
 Questa secondo me rappresenta la più importante garanzia per un buon rapido e positivo risultato.
Ceccano 27 Agosto 2017

Angelino Loffredi


 
Torna ai contenuti | Torna al menu